Capanna Mautino | Monti della Luna (Lago dei 7 colori)
111
post-template-default,single,single-post,postid-111,single-format-standard,edgt-core-1.2,ajax_fade,page_not_loaded,,vigor child-child-ver-1.0.0,vigor-ver-2.0, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_push_text_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Monti della Luna (Lago dei 7 colori)

Monti della Luna (Lago dei 7 colori)

Partenza: Bousson (1418 m)

Quota massima: MONT GIMONT ( 2646 m)

Dislivello:  1200 m

Tempo di percorrenza: 2h + 2h30 = 4h30 da Bousson

Difficoltà: facile

Bellissima salita effettuabile anche in due giorni con tappa in rifugio. L’itinerario conduce al rifugio e poi a perdersi nelle dolci pieghe dei monti della Luna. Il rifugio si raggiunge comodamente in due ore seguendo la strada militare del lago Nero, chiusa al traffico nel periodo invernale, facilmente percorribile e ben segnalata. Dal rifugio è molto bello concedersi una passeggiata attraverso i monti della Luna in direzione dei Laghi del Foiron, oppure verso Col Saurel – lago dei 7 Colori – cresta del Chouchar fino a raggiungere un poggio pianeggiante con bellissimi scorci verso Delfinato e Pic de Rochebrun. Nessun pericolo di valanghe, ma problemi di visibilità: dati gli scarsi punti di riferimento, l’orientamento col brutto tempo non è semplice. Dalla Capanna Mautino proseguire sulla strada militare verso il colle Saurel, a poca distanza si apre sulla destra un sentiero verso i laghi di Clot Foiron, raggiungibili in poco più di un’ora. Proseguendo sulla militare si raggiunge, dopo molteplici curve, al colle di Saurel a quota 2394 m. Si supera proseguendo in discesa: il tratto è breve e porta direttamente al lago dei Sette Colori e alla meravigliosa cornice che lo avvolge. Quando gli impianti di sci sono chiusi, merita sicuramente una visita il Mont Gimont (2646 m), poco distante, ma sul quale l’ascesa è possibile solamente con la con neve assestata. Per la vetta si prende la salita per un bel valloncello sopra al lago, complessivamente di buona percorribilità in principio, si fa ripido nell’ultimo tratto. Si sbuca su una selletta dalla quale, percorrendo pochi metri, facili ma esposti, verso Ovest, si raggiunge la vetta, l’unica tra quelle basse (2487 m) della zona a offrire una bella visione sul Monviso. L’ultimissimo tratto va percorso senza ciaspole.