Capanna Mautino | Colletto di Rochebrune 3000 m
561
post-template-default,single,single-post,postid-561,single-format-standard,edgt-core-1.2,ajax_fade,page_not_loaded,,vigor child-child-ver-1.0.0,vigor-ver-2.0, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_push_text_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Colletto di Rochebrune 3000 m | itinerario 2

Colletto di Rochebrune 3000 m | itinerario 2

E’ una splendida gita, piuttosto lunga, con orientamento generale della discesa a nord.
Dalla Capanna Mautino si raggiunge il Col Bousson con l’itinerario precedente e, varcato il confine, si scende, sull’opposto versante, per terreno apert e agevole, alle grange Le Bourget (1869m.). Attraversare il pianoro risalendo il torrente Cerveyrette per circa 500 m, fino a raggiungere un ponte che permette di attraversarlo. Proprio di fronte (sud) si inizia la salita, seguendo una fascia priva di vegetazione importante, ben individuabile. Al di sopra si procede, sempre verso sud, a mezza costa, tenendosi distanziati dai pendii sulla destra, piuttosto ripidi e spesso valangosi. Si prosegue attraversando il Ravin de Côte Belle e imboccando una evidente valletta che termina al pianoro chiamato Colletto X, preceduto da alcuni laghetti (2576 m).
A questo punto occorre scendere circa trenta metri e, sempre verso sud – farà da riferimento l’elegante piramide del Pic di Rochebrune – percorrere un falsopiano fino a raggiungere un lungo pendio, risalito il quale ci si addentra in una conca. Infine, al di sopra di quest, non resta che percorrere gli ultimi evidenti pendii, disseminati di massi, e la successiva conca che termina al colle. In condizioni medie, calcolare non meno di 5 ore dal rifugio.
La discesa si effettua pungolo stesso itinerario e presenta perciò, per il rientro in capanna, la risalita da Le Bourget al Col Bousson di 300 m. di dislivello circa che richiedono una buona ora. La gita è però molto bella e remunerativa e vale questo sacrificio finale.