Capanna Mautino | Crête de la Dormillouse 2908 m
557
post-template-default,single,single-post,postid-557,single-format-standard,edgt-core-1.2,ajax_fade,page_not_loaded,,vigor child-child-ver-1.0.0,vigor-ver-2.0, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_push_text_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Crête de la Dormillouse 2908 m | itinerario 4

Crête de la Dormillouse 2908 m | itinerario 4

Si segue l’itinerario 1 fino al Colle Chabaud. Di qui si affrontano direttamente, in direzione nord-est, gli ampi pendii che fronteggiano il colle e che si restringono via via fino a formareun ampio crestine, appunto la Crête de la Dormillouse, che si segue sul versante francese tenendo le opportune distanze dalle cornici che occhieggiano sulripido versante nord-est.
La cima, segnalata da unfrusto palo di legno, è costituita da una semplice elevazione sulla cresta nel punto in cui da questa si stacca verso nord il contrafforte della Cima Dorlier. Gli ultimi metri si percorrono piegando alquanto a sinistra e bordeggiando un colletto che consente di valicare la cresta e mette perciò in comunicazione a nord-ovest con il vallone di Dormillouse (ore 3,30 circa dal rifugio). La discesa più interessante, una vera classica dello sci alpinismo, è appunto quella che dal colletto scende nel vallone. E’ un terreno aperto a sufficienza, che tuttavia, essendo molto riparato dai venti e dal sole, conserva a lungo la neve farinosa. Unica precauzione, tenere le dovute distanze daipendii ripidi sulla sinistra (or.), dominati dalle cornici di cui all’itinerario di salita e alquanto valangosi. Al fondo del vallone, si incroceranno le piste che si saranno tracciate dal Col Chabaud per salire al Giaissez (vedi Itinerario 1), poco a monte della quota 2100. Per raggiungere Capanna Mautino da questo punto valgono perciò le stesse considerazioni di quell’itinerario.