Capanna Mautino | La storia
19
page-template-default,page,page-id-19,edgt-core-1.2,ajax_fade,page_not_loaded,,vigor child-child-ver-1.0.0,vigor-ver-2.0, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_push_text_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

La storia

La capanna Mautino è la secondogenita dello Ski Club Torino. Costrtuita nel 1920 sopra Bousson (Cesana) in prossimità del Lago Nero è stata ingrandita nel 1929, ma è stata quasi completamente distrutta durante gli anni del secondo conflitto mondiale. Nell’immediato dopo guerra è stata prontamente riadattata con una serie di lavori provvisori prima e poi, nel corso degli anni 1947 e 1948 ricostruita nella attuale configurazione. L’inaugurazione è avvenuta il 5 dicembre 1948 in una splendida giornata di sole e di clima autunnale. La vera anima della ricostruzione è stato il socio Domenico Mazzocchi, mentre il presidente Giuseppe Giraudo ne è stato il principale artefice finanziario, avendo erogata la somma di un milione di lire a fondo perduto e sottoscritto la metà delle 140 carature da 25.000 lire caduna, a fronte di una spesa complessiva prevista in 4.500.000 lire. Da quel giorno la nuova Capanna Mautino è diventata il frequentato centro dell’attività sociale dello Ski Club Torino e la tradizione è stata mantenuta viva a tutt’oggi.

Credit photo: foto archivio storico Ski Club Torino