Capanna Mautino | Monte Terra Nera 3100 m
555
post-template-default,single,single-post,postid-555,single-format-standard,edgt-core-1.2,ajax_fade,page_not_loaded,,vigor child-child-ver-1.0.0,vigor-ver-2.0, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_push_text_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Monte Terra Nera 3100 m | itinerario 5

Monte Terra Nera 3100 m | itinerario 5

Per la salita vedere l’itinerario 4 fino alla Dormillouse, o meglio, sino al colletto Dormillouse. Proseguire sempre sul versante francese per l’ampio crestine, che qui cambia nome e diventa Viradantour, fino a raggiungere un colle pianeggiante (q. 2912) che consente, scendendo pochi metri, di passare agevolmente sul versante est. Risalire gradatamente in diagonale l’ampio plateau terminale sino a raggiungere senza difficoltà la vetta (ore 1 circa dalla dormillouse).
La discesa si svolge nell’ampio, stupendo vallone che scende a nord, la cui testata si sarà attraversata appunto salendo dal colletto 2912 alla vetta. Esso prende nome dal Rio Clausis e conviene seguirlo nella parte centrale. Al fondo è sbarrato dalle propaggini del Monte Clausis ed occorre risalire pochi metei sulla destra fino ad un colletto molto evidente. Se le condizioni della neve lo consentono può scendere sulla sinistra il ripido ma aperto pendio sottostante, direzione sud, che, superato un ruscello, permette di raggiungere per terreni meno sostenuti e piegando a destra, il fondo del vallone di Thures all’altezza di un ponte proprio di fronte alle grane Thuras (1956 m).
In caso di dubbio circa la pericolosità del pendio, meglio scendere più diretti dal colletto, in un terreno altrettanto ripido, ma sparso di pini e perciò sicuro, sino a raggiungere il ponte e le frange Thuras. Di qui per la strada militatesi perviene a Ruilles e quindi a Bousson, senza passare nuovamente da Capanna Mautino.