Capanna Mautino | Traversata dei Monti della Luna
461
post-template-default,single,single-post,postid-461,single-format-standard,edgt-core-1.2,ajax_fade,page_not_loaded,,vigor child-child-ver-1.0.0,vigor-ver-2.0, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_push_text_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Traversata dei Monti della Luna

Traversata dei Monti della Luna

difficoltà: BC+/OC

difficoltà sts: s2 con passi s3
luogo di partenza: Cesana Torinese, parcheggio in fondo a viale Bouvier
quota di partenza: 1350m
quota massima: 2514m
dislivello positivo: 1830m
sviluppo: 39.60
tipologia: All-mountain
portage: circa 100 m D+

dal parcheggio costeggiare il corso della Dora verso monte sino a reperire, dopo un prato, un bivio inerbito sulla destra (km 0.67 quota 1417m), svoltare e seguire la strada per raggiungere dapprima una baita isolata, quindi tenuta la sinistra in corrispondenza di quest’ultima, raggiungere la pista sterrata che sale a Sagna Longa (km2.94 quota 1544m, arrivo di una seggiovia). Proseguire a sinistra in salita su ottimo fondo e con pendenze moderate fino all’abitato di Sagna Longa (km 9.10 quota 1995m) quindi, poco dopo le prime case, svoltare a sinistra e subito dopo a destra per raggiungere il colle della Bercia (km 11.40 quota 2220m). Proseguire quindi in falsopiano per lasciare a sinistra il lago Granet e, dopo aver superato alcune dure rampe con fondo a tratti impegnativo raggiungere la località Costa La Luna (km13.50 quota 2400m). Di qui seguire la pista sterrata ora in discesa e,percorsi due tornanti di cui il primo a destra e il secondo a sinistra, dopo pochi metri di rettilineo, quando la pista ricomincia a salire verso la cima Saurel, individuare sulla destra la partenza di un single trail in traverso appena dopo la partenza di quello che scende per la val Gimont (km 14.70 quota 2354m, cfr it.n∞3). Svoltare su quest’ultimo trail e seguirlo con percorso vario e a tratti esposto (generalmente pedalabile a parte gli ultimi 90m d+) sino a sbucare sul “colletto Verde” (km16.80 quota 2514m). Dal colletto intraprendere la fantastica discesa per la Valle dei Mandarini con una sezione iniziale abbastanza esposta e con fondo a tratti ghiaioso (S2), seguito da una sezione guidata molto divertente e con difficoltà varie (s2 con passi s3) sino a sbucare, dopo un’ultima serie di tornantini, in corrispondenza di una palina (km18.70 quota 2043m). Qui giunti tenere la sinistra per risalire qualche metro fino a guadare il corso della Piccola Dora e quindi continuare senza possibilità di errore per un lungo e godibilissimo traverso in costa (brevi passi non ciclabili) che ci condurrà fin sulle piste del bike park di Monginevro (km20.00 quota 2013m).Arrivati quindi a un crocicchio (partenza della pista nera) individuare, in direzione Sud, una pista di servizio degli impianti che con percorso a tratti inerbito e poco evidente ci consentirà di riguadagnare la sterrata che sale ai fortini del Gondrand (km21.20 quota 2086m); in alternativa si potrà scendere per i pistini sino in centro a Monginevro aggiungendo circa 200md+ di risalita. Risalire poi la strada per i fortini sino ad individuare un sentiero sulla sinistra (km 23.40 quota 2255m) che consente di raggiungere con percorso ripido ma sempre pedalabile il colletto dove sorge la Cabane des Douaniers, sulla sinistra del Sommet des Anges (km24.10 quota 2307m). Qui giunti prendere a sinistra per seguire il classico traverso per il lago dei 7 colori fino a riguadagnare la frontiera italiana, per imboccare, subito dopo il colletto successivo al rampone che sale dal lago,(km28.40 quota 2390m) un single trail sulla destra che conduce al lago Saurel, quindi tenuta la sinistra al laghetto con un tratto velocissimo e facile si perviene alla tettoia dell’osservatorio delle truppe alpine (km29.60 quota 2170m),di qui, percorsi pochi metri in direzione Nord si trova la prosecuzione del sentiero che porta ad attraversare la pista per il Lago Nero, quindi percorsi alcuni metri su quest’ultima, svoltare subito a destra per percorrere un ulteriore sentiero che conduce al rifugio Capanna Mautino (km30 quota 2110m, S1 e S2). Dal rifugio continuare in direzione Nord Est attraversando la strada del lago nero e percorrendo il primo tratto del trail che conduce ai laghi Foiron, per tenere poi la destra dopo un dosso (km 30.40 quota 2110m) e percorrere interamente il sentiero (VE sulla carta Fraternali) che porta ad attraversare la strada che collega la casermetta abbandonata di Fonte Tana con Sagna Longa. Raggiunta la pista svoltare a destra e seguirla in piano fino ad incrociare la strada per il Lago Nero,quindi proseguire a destra per pochi metri su quest’ultima per individuare presto, sulla sinistra, un sentiero che scende al Ponte Chabaud (km32.52 quota 1975m, S2). Percorrerlo in discesa per attraversare il ponte e risalire fino alla località Roche Courbe (km 34.04 quota 2004m) dove, dopo un’ampia curva in piano sulla destra si potrà individuare, sulla sinistra, la partenza del trail “dei Forestali” che con percorso difficile ricco di numerosi tornanti stretti e strettissimi (s3) ma sempre su fondo buono (prestare attenzione al primo tornante a destra dopo un rettilineo più facile) scende fino ad attraversare il corso del Rio Servierettes (km 35.52 quota 1622m). Attraversato il ponticello proseguire a destra in discesa per raggiungere in breve una pista sterrata (km 35.82 quota 1543m), svoltare poi a sinistra su quest’ultima per raggiungere in discesa la strada asfaltata che collega Bousson a Cesana (km36.96 quota 1427m). Qui giunti tenera la sinistra sulla strada asfaltata abbandonandola appena prima del ponte sulla Dora per tenere la sinistra ad un bivio che ci consentirà di imboccare il trail che costeggia, con percorso facile e divertente in saliscendi, la sponda sinistra del torrente e che in breve permetterà di guadagnare il punto di partenza (km 39.60).

NOTE: tour lungo ed impegnativo richiede una buona condizione fisica, consente di percorrere in un solo giorno tutti i più bei trails dei monti della Luna. La discesa per il sentiero dei Forestali richiede un minimo di tecnica di guida, prestare attenzione nei tratti esposti.
Consigliato!

bibliografia: Matteo Zunino, “western trails” 64 proposte di cicloalpinismo nelle valli di susa, 2011, Fraternali Editore

cartografia di riferimento: Fraternali Editore, carta n° 2 1/25.000 alta valle di Susa, Alta Val Chisone.

guida mtb: Matteo Zunino c/o www.passaggioanordovest.eu
+393385779029