Capanna Mautino | Cima Fournier
113
post-template-default,single,single-post,postid-113,single-format-standard,edgt-core-1.2,ajax_fade,page_not_loaded,,vigor child-child-ver-1.0.0,vigor-ver-2.0, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_push_text_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Cima Fournier

Cima Fournier

Partenza: Bousson (1418 m)

Quota massima: cima Fournier (2424 m)

Dislivello: 1100 m

Tempo di percorrenza: 2h30 + 2h = 4h30 da Bousson A 4h – R 3h

Difficoltà: medio facile

Dolce e arrotondata, questa cima merita una visita per lo splendido panorama verso il Delfinato, e le montagne della val Claree; è inoltre una meta sicura anche dopo forti nevicate, dal momento che non ci sono pressoché mai problemi di valanghe, grazie appunto alla dolcezza del terreno.

Prendere la strada militare verso Capanna Mautino. Il rifugio si raggiunge comodamente in due ore seguendo la strada militare del lago Nero, chiusa al traffico nel periodo invernale, facilmente percorribile e ben segnalata (indicazioni su l’itinerario CAPANNA MAUTINO – LAGO NERO). Dal rifugio si segue la pista battuta in leggera salita di fronte al rifugio (segnalazioni “Trace des Escartons”) fino al Col Bousson, dove ci si abbassa leggermente in Francia (due cippi di confine) per poi seguire, su sentiero in leggera salita, l’ampio e comodo crestone a Sud Ovest. Dalla cima è possibile scendere direttamente al lago Nero, tragitto classico delle escursioni scialpinistiche, oppure tornare comodamente al rifugio, gustandosi una bella discesa e l’impressionante vista verso la barre de Ecrins. Il tragitto è facilmente percorribile in due giorni con pernottamento presso il rifugio.