Capanna Mautino | Terra nera
118
post-template-default,single,single-post,postid-118,single-format-standard,edgt-core-1.2,ajax_fade,page_not_loaded,,vigor child-child-ver-1.0.0,vigor-ver-2.0, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_push_text_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Terra nera

Terra nera

Partenza: Bousson (1418 m)

Quota massima: (3100 m)

Dislivello: 900 m FINO A LES FONDS, 1100 LES FONDS – CIMA

Tempo di percorrenza: 5h FINO A LES FONDS/ 7h VETTA – THURAS

Difficoltà: difficile

Per gli escursionisti più allenati ed esperti una proposta per una salita grandiosa: la cima della Terra Nera (3100 m) in traversata su Thures. A Bousson imboccare la strada militare verso Capanna Mautino. Il rifugio si raggiunge comodamente in due ore seguendo la strada militare del lago Nero, chiusa al traffico nel periodo invernale, facilmente percorribile e ben segnalata. Dal rifugio esistono due modi per effettuare questa salita: il primo è rappresentato dalla lunga cresta che raggiunge la vetta dal col Chabaud, toccando Dormillouse e Viradantour, facile ma esposta in un paio di punti, l’itinerario non è sempre attuabile ed è molto legato alle condizioni della montagna. Il secondo percorso, lungo ma più facilmente effettuabile, si abbassa a les Fonds (possibile pernottamento nell’accogliente locale invernale – 8 posti) e risale per dossi la vetta. Da questa non resta che scendere verso N lungo le tracce degli sciatori abbassandosi a Thuras e quindi a Thures (un solo tratto ripido). Unico neo di questa salita: la vetta è punto di atterraggio per eliski, e di conseguenza talvolta rumore e affollamento possono creare qualche problema.
Salita per cresta: 5 ore; per les Fonds 7 ore spezzabili pernottando al rifugio.